Rosso sui mercati per il panico da coronavirus: cosa aspettarsi

Rosso sui mercati per il panico da coronavirus: cosa aspettarsi

Versione originale di Laura Sánchez – traduzione a cura di Investing.com

Investing.com – I mercati europei proseguono le sedute con cali diffusi di circa il 3% in tutti i principali indici. Il più colpito è il mercato azionario italiano, con cali superiori al 4%. La causa, ancora una volta, è l’’effetto coronavirus’, che restituisce la paura ai mercati finanziari.

Anche il Kospi è sceso di quasi il 4%, con la Corea del Sud come il Paese più colpito dalla diffusione del virus al di fuori della Cina, con 750 persone colpite, il che ha portato a dichiarare il massimo dell’allerta.

In Iran sono circa 50 le persone colpite e in Italia l’epidemia ha già causato 4 morti e 150 casi di contagio, rendendo il nostro paese il terzo nel mondo per numero di infetti.

“La paura della diffusione del virus al di fuori della Cina ha sconvolto i mercati e sta causando un effetto psicologico molto forte e piuttosto pericoloso. Questa seconda ondata di paura del virus sembra essere più pericolosa e il consiglio migliore è quello di approfittare del rimbalzo per lasciarsi andare e non cacciarsi in nuovi guai. Se l’epidemia si diffonde, avremo una paralisi mondiale dell’attività che può durare diversi mesi, dando il colpo di grazia all’economia globale”, dice José Luis Cárpatos, CEO di Serenity Markets.

“Ci vorrà un po’ di tempo per sentire le conseguenze della situazione cinese sui risultati delle aziende fino ad aprile, ma la paura si è scatenata. Il virus ha oltrepassato i confini”, aggiunge Renta Markets.

Allarme istituzionale
“Le misure adottate dai loro governi per prevenire ulteriori infezioni hanno fatto scattare tutti gli allarmi, soprattutto a causa dell’impatto economico che il virus potrebbe avere a livello mondiale”, spiegano da Link Securities.Questi analisti ricordano che il Fondo Monetario Internazionale (FMI) “continua a gestire come sua principale ipotesi che a livello economico il coronavirus avrà un impatto sul primo trimestre di quest’anno, con le economie che recuperano la loro crescita nel secondo trimestre”. Secondo l’istituzione, il virus sottrarrà 0,4 punti percentuali di crescita alla Cina nell’anno, quindi il PIL del paese crescerà di circa il 5,6%, mentre a livello globale l’impatto sulla crescita sarà di soli 0,1 punti percentuali. “Questo scenario, che prevede ancora una ripresa a V della crescita economica nel secondo trimestre, dipende dal fatto che il virus venga contenuto nelle prossime settimane. Il problema maggiore è che ci sono persone colpite al di fuori della Cina che, in linea di principio, non si sono recate nel Paese o apparentemente non hanno avuto contatti con gruppi a rischio, quindi non è molto chiaro come la malattia si stia diffondendo”, avvertono in Link Securities.
Cosa aspettarsi nei mercati
Gli esperti raccomandano ancora una volta la prudenza sui mercati. “Ci aspettiamo un atteggiamento prudente, che porterà gli investitori a ridurre le loro posizioni di rischio, che porterà a cali nei mercati azionari europei e statunitensi, mentre le attività rifugio sicuro come le obbligazioni, l’oro o valute come lo yen o il franco svizzero apprezzeranno”, dicono a Link Securities

Per quanto riguarda i settori del mercato azionario, questi esperti ritengono che “saranno i settori più ciclici ad essere maggiormente penalizzati, mentre i settori difensivi come le utilities, le telecomunicazioni, la salute e le scorte alimentari si comporteranno meglio in termini relativi, anche se, almeno all’inizio della settimana, troviamo difficile evitare cadute, soprattutto perché gli investitori attualmente detengono significative plusvalenze non realizzate in questo tipo di azioni”.