Oro, acquisti al top da nove anni (a 1.857 dollari l’oncia). E vola anche l’argento

Oro, acquisti al top da nove anni (a 1.857 dollari l’oncia). E vola anche l’argento

Ancora acquisti sull’oro, con i contratti che salgono fino a quota 1.857 dollari, record in nove anni. Il massimo assoluto di sempre rimane quello testato nella settimana del 9 settembre del 2011, a quota 1.921,17 dollari l’oncia.

I futures scambiati sul Comex e con scadenza ad agosto 2020 avanzano a $1.856,60, in crescita di 12,70 dollari (+0,6888% su base percentuale), e il contratto spot sull’oro è sugli stessi valori ($1.856,42, +14,51 dollari ovvero +0,79%).
Prosegue anche la febbre per l’argento, con le quotazioni che segnano un rally superiore a +5% a 22,69 dollari. L’oro beneficia dell’incertezza sul futuro dell’economia globale, in particolare per i timori legati alla recrudescenza dei casi di coronavirus a livello globale. Gli investitori fanno incetta del metallo prezioso anche per le tensioni, negli States, tra democratici e repubblicani sull’ammontare del prossimo piano di stimoli economici a favore dei cittadini Usa. La speaker della Camera Nancy Pelosi ha detto chiaramente che la proposta dei repubblicani di un piano del valore di 1 trilione non è sufficiente. Due mesi fa la Camera dei rappresentanti a guida democratica aveva approvato una proposta da 3 trilioni che i repubblicani hanno però ignorato. Ovviamente, l’apprezzamento dell’oro si spiega anche con il calo del dollaro, con il Dollar Index che oscilla al minimo in più di 4 mesi.