Lagarde: “Il peggio è passato”

Lagarde: “Il peggio è passato”

Per la presidente della Bce probabilmente il momento peggiore della crisi è stato superato, ma restano i timori per una seconda ondata di contagi
“Probabilmente abbiamo superato il momento peggiore della crisi” ma “restano presenti timori” per un’eventuale seconda ondata dell’epidemia di coronavirus. Lo ha fatto sapere la presidente della Bce, Christine Lagarde, intervenendo al Northern Light Summit.

PRONTI A RISPOSTA IMPONENTE
La Bce, ha aggiunto Lagarde, assieme alle altre banche centrali globali, è pronta a una “risposta imponente” di fronte alla crisi economica innescata dal coronavirsu, incluso un allargamento ulteriore degli asset accettati come garanzie a fronte della liquidità erogata.

RIPRESA COMPLICATA E DISOMOGENEA
Lagarde ha notato che “probabilmente abbiamo passato il punto peggiore” della “peggior crisi in tempi di pace” ma che la ripresa sarà particolarmente complicata, discontinua e disomogenea fra i Paesi. “Non torneremo al precedente status quo”, ha detto la presidente della Bce, riferendosi ad alcuni settori economici che saranno colpiti forse irrimediabilmente.

REPLICA AI GIUDICI DI KARLSRUHE
Intanto, a quanto è emerso dalla pubblicazione dei verbali dell’ultimo consiglio direttivo, la Bce ha ribadito la sua posizione sui programmi di acquisto di titoli di Stato, replicando ai giudici della Corte costituzionale tedesca che avevano contestato la misura. L‘Eurotower, si legge nei verbali, decide “misure proporzionate” di politica monetaria, che hanno lo scopo di limitare i “potenziali effetti collaterali” e non sconfinano nella politica fiscale.