Idee di investimento – Obbligazioni – 3 febbraio 2020

Idee di investimento – Obbligazioni – 3 febbraio 2020

Come trovare soluzioni d’investimento nell’era dei tassi negativi? Stando attenti ai rischi sistemici occorre saper gestire la liquidità in attesa degli investimenti a lungo termine. Nel frattempo focus sui bond in dollari e sul debito emergente
CON I TASSI NEGATIVI, IL VERO PROBLEMA E’ GESTIRE LA LIQUIDITÀ
I dati macro disponibili nel primo scorcio del 2020 puntano tutti a una stabilizzazione del quadro dell’economia globale, con un mercato del lavoro molto positivo in tutte le aree ma soprattutto negli Stati Uniti, con un mood positivo che va a sostenere i consumi. All’appello mancano invece ancora gli investimenti, che fanno fatica a ripartire nonostante le politiche espansive adottate in tutto il globo dalle banche centrali. Un fattore che si riflette anche nel deterioramento registrato dagli indicatori manifatturieri negli ultimi 12-18 mesi che si è registrato un po’ in tutte le aree, dalla Cina all’America fino all’Eurozona. Alessandro Tentori, cio di Axa IM Italia, nell’articolo Cercare soluzioni d’investimento nell’era dei tassi negativi, ritiene ancora valida l’asset allocation tattica proposta a novembre, con un orizzonte massimo di 3 mesi, che privilegia il rischio azionario a quello obbligazionario e in quest’ultimo ambito favorisce il rischio di credito al rischio di tasso puro, con opportunità sulle duration molto basse e rischio di credito evidente, come gli high yield dei mercati emergenti. Il fattore Importante da guardare con attenzione è la liquidità e la sua gestione. Con i tassi negativi o bassissimi gli strumenti tradizionali per il parcheggio della liquidità hanno perso appeal, il che spinge l’investitore carico di cash verso una gamma di rischi più ampia. Alla fine il destino del cash è legato a quello dei tassi negativi: più dureranno e più andranno esplorate alternative ai tradizionali strumenti monetari.

ALLA RICERCA DI UN MIX DI RENDIMENTO, QUALITÀ E PROTEZIONE AL RIBASSO
Resta il fatto che ottenere rendimenti con i tassi ai minimi storici, se non negativi, è un compito arduo, e non si possono ignorare i rischi sistemici, come viene ricordato nell’articolo Obbligazionario 2020, occhio ai rischi sistemici da AllianceBernstein. È importante, “mantenere la duration”, ovvero avere esposizione al rischio tassi quando c’è una significativa incertezza sulla fase geopolitica globale: durante i periodi di turbolenza del mercato, la duration dei titoli di Stato funge da compensazione per la volatilità dei mercati azionari e creditizi, mitigando il rischio al ribasso. E non ci sono solo titoli di Stato. Per AllianceBernstein gli investitori dovrebbero trarre vantaggio dalle dislocazioni in settori sensibili al credito che offrono un interessante mix di rendimento, qualità e potenziale di protezione al ribasso, come le cartolarizzazioni Usa sostenute da ipoteche commerciali e residenziali, poco correlate con gli altri settori del reddito fisso, e il debito bancario europeo subordinato. Altre opportunità di investimento sono individuate nelle obbligazioni societarie BBB che offrono rendimenti pari a quelli del mercato high yield, nelle obbligazioni ad alto rendimento a scadenza più breve, mentre politiche monetarie nuovamente accomodanti e fondamentali economici notevolmente migliorati favoriscono il debito dei mercati emergenti.

RUBLO E REAL BRASILIANO A BUON MERCATO
A proposito di debito emergente, il BlackRock Investment Institute (BII) intravede un dollaro Usa che si stabilizza o addirittura indebolisce nel 2020 dopo un lungo periodo di crescita: tendenza che supporta la preferenza per le attività dei mercati emergenti. Secondo il BII la volatilità attenuata del mercato rende le strategie “carry” nei cambi (in base alle quali si prendono in prestito valute a basso rendimento per acquistare quelle con rendimento più elevato) più interessanti: un approccio che aggiunge ulteriore appeal alle valute dei Paesi in via di sviluppo, capaci ancora di offrire alti rendimenti. “Riteniamo che lo yuan cinese possa stabilizzarsi o anche apprezzarsi leggermente rispetto al dollaro, sullo sfondo di prospettive di crescita positive e di allentamento delle tensioni commerciali. Ciò potrebbe aiutare a sostenere altre valute asiatiche emergenti come la rupia indonesiana. Dal punto di vista della valutazione, il rublo russo e il real brasiliano sembrano scambiati a buon mercato dopo le forti svendite degli ultimi anni”, specificano nell’articolo BlackRock: “La nostra visione valutaria sostiene il debito e le azioni emergenti” i professionisti del BII.

INVESTITORI EUROPEI, L’APPEAL DEI BOND IN DOLLARI USA
Gli esperti di AllianceBernstein, dal canto loro, ritengono che diversificare sul mercato obbligazionario Usa offra importanti benefici per gli investitori europei, soprattutto facendo leva su una strategia che bilanci la sicurezza dei titoli governativi di alta qualità con la generazione di reddito offerta dal credito di più elevato rendimento. Ci sono due aspetti critici in questa strategia: la capacità di spostarsi su una o l’altra componente, a seconda delle condizioni di mercato, e la diversificazione e la flessibilità per entrambe le componenti. E’ importante , si legge nell’articolo I vantaggi dei bond Usa per gli investitori europei, spostare l’esposizione al credito tra i diversi settori per cogliere le opportunità più interessanti, oggi, ad esempio, può essere opportuno concentrarla sui settori consumer o bancario, meglio posizionati per resistere agli effetti delle guerre commerciali o di un aumento della supervisione normativa. E’ altrettanto importante modificare l’esposizione alla duration per capitalizzare i livelli di valutazione. La raccomandazione è di mantenere una duration inferiore alla media, per evitare di subire gli effetti di futuri aumenti dei tassi. Più in generale, mantenere un approccio equilibrato, rimanere all’interno di un intervallo di durata finanziaria intermedio, si è dimostrato più efficace che cercare di prevedere la prossima mossa dei tassi o del credito. Nel 2019, ad esempio, molti investitori fortemente sottopesati di duration sono stati colti alla sprovvista quando la Federal Reserve ha invertito la sua politica monetaria, adottando una posizione accomodante dopo quattro rialzi.