Hong Kong ufficialmente in recessione tra proteste, guerra commerciale

Hong Kong ufficialmente in recessione tra proteste, guerra commerciale

HONG KONG (Reuters) – L’economia di Hong Kong è caduta in recessione per la prima volta in un decennio durante il terzo trimestre, come hanno confermato i dati del governo, depressa dalle proteste antigovernative sempre più violente e dal protrarsi della guerra commerciale tra Usa e Cina.

L’economia ha subìto una contrazione del 3,2% nei mesi di luglio-settembre rispetto al trimestre precedente su base destagionalizzata, secondo i dati del governo, in linea con la lettura preliminare.

Il prodotto interno lordo si è contratto per il secondo trimestre consecutivo, configurando i termini tecnici di una recessione.

In un contesto dove non si vede ancora una fine alle proteste, gli analisti avvertono che il centro finanziario e commerciale rischia potenzialmente una recessione più lunga e più profonda rispetto a quella che c’è stata durante la crisi finanziaria globale del 2008/2009 e l’epidemia di SARS del 2003.

Rispetto all’anno scorso, l’economia si è contratta del 2,9%, in linea con la lettura preliminare. Le letture sono state le più deboli dalla crisi globale.