Fed: politica accomodante ma meno stimoli, prevedono gli esperti

Fed: politica accomodante ma meno stimoli, prevedono gli esperti

Da Investing.com – Uno dei punti salienti dell’agenda macroeconomica di questa settimana è la riunione di due giorni della Federal Reserve. Non si prevedono cambiamenti in termini di politica monetaria, ma come sempre, i mercati attenderanno le parole di Jerome Powell, presidente dell’istituto centrale, in riferimento allo stato dell’economia statunitense dopo l’aumento dei casi di coronavirus registrati nelle ultime settimane negli Stati Uniti.

“Non abbiamo dubbi che Powell mostrerà ancora una volta il totale impegno dell’istituzione nei confronti dell’economia americana, mettendo nuovamente sotto pressione i politici per attuare un nuovo piano di aiuti per combattere la recessione”, spiegano da Link Securities.

Franck Dixmier, direttore di Global Fixed Income Investments di Allianz (DE:ALVG) Global Investors, condivide questa opinione e non si aspetta alcun annuncio nella riunione di questa settimana, meeting che, per loro, non avrà alcun impatto sugli investitori.

“Di fronte alle incertezze sulla salute macroeconomica e sullo sviluppo, la Federal Reserve rimarrà vigile e riaffermerà la sua capacità di fare di più. La Fed dovrebbe sottolineare la persistenza dei rischi per l’economia e ribadire la sua capacità di fare di più se necessario, oltre alle 11 misure di emergenza che non sono state pienamente utilizzate. In un contesto di condizioni di mercato normalizzate, ci aspettiamo un cambiamento nella direzione degli acquisti di attività nei prossimi mesi”, spiega Dixmier.

Questo esperto ritiene che il “monitoraggio formale della curva dei rendimenti” continuerà ad essere discusso e potrebbe rimanere un’opzione credibile se la situazione dovesse richiederlo. “Questa opzione non ha un forte sostegno all’interno della FOMC, come dimostrato nel verbale del loro ultimo incontro, ma è stata approvata dagli ex presidenti della Fed Ben Bernanke e Janet Yellen”, conclude.

Jack Janasiewicz, gestore del portafoglio della società di gestione di fondi d’investimento Natixis Investment Managers, si aspetta una politica monetaria molto accomodante, con tassi d’interesse che rimarranno invariati nel corso del prossimo anno e probabilmente fino al 2022, se seguiamo le indicazioni fornite.

“Dove le cose possono diventare interessanti è sul lato fiscale. L’impatto del virus continua e stiamo ancora assistendo a un lento recupero che può essere descritto come disomogeneo, anche se nella giusta direzione. Rimangono le preoccupazioni su ciò che sta accadendo con la discussione fiscale in corso al Congresso degli Stati Uniti sui sussidi di disoccupazione. Questi benefici hanno davvero contribuito a colmare il vuoto che si era aperto per tutte le persone che sono state licenziate. Se il Congresso iniziasse ora a ridurre questi benefici o addirittura a ridurli drasticamente, questo tipo di impatto inizierebbe a colare nelle aspettative di crescita e, di nuovo, quando si ha un passo indietro nell’economia, quello che ci si aspetta allora è un massiccio intervento accomodante da parte della Federal Reserve. In definitiva, questo aspetto fiscale continua ad essere fonte di preoccupazione”, sottolinea Janasiewicz.

Stimolo sì, ma meno generoso
Gilles Moëc, capo economista di AXA, si aspetta l’annuncio di “nuovi stimoli, anche se meno generosi che in altre occasioni”, soprattutto in vista delle imminenti elezioni del Paese.

Questo esperto (e naturalmente la Fed) si dice preoccupato per la ricaduta della pandemia negli Stati Uniti e per l’effetto indiretto sull’attività economica che il mercato ha finora scelto di ignorare. Inoltre, l’economista avverte che il mercato del lavoro statunitense “sta mostrando anche alcuni segni di ricaduta”, che, osserva, crea “mal di testa politici”, dato che il governo americano ha già speso molto e si è impegnato a sostenere che ritiene “eccessivo” e sta generando “stanchezza da stimolo”.