Eur/Usd: compratori faticano a trovare le forze per una ripartenza

Eur/Usd: compratori faticano a trovare le forze per una ripartenza

Le quotazioni di Eur/Usd veleggiano ancora a ridosso del supporto orizzontale in zona 1,08. Vediamo come impostare una strategia operativa con i Turbo Certificates di BNP Paribas
Le quotazioni di Eur/Usd continuano a veleggiare a ridosso del supporto a 1,08, lasciato in eredità dai minimi del 18 febbraio 2020.
Dal grafico giornaliero del cambio, si evidenzia come i corsi rimangano inseriti in una fase laterale, compresi tra il sostegno menzionato prima, la resistenza a 1,0999 (espressa dai massimi del 26 agosto 2019) e la media mobile semplice a 200 giorni.

L’uscita da questa congestione darebbe ai prezzi l’opportunità di accelerare. Da un lato, un superamento di 1,1021 permetterebbe ai compratori di avere la strada spianata per il test del livello di concentrazione di domanda a 1,1164.

Nell’eventualità di un breakout di questo ostacolo, gli acquirenti avrebbero la possibilità di traghettare le quotazioni verso l’intorno di 1,15, zona di passaggio della trendline disegnata con i massimi del 15 agosto a quelli del 12 novembre 2018.

Al contrario, discese al di sotto di 1,08 porterebbero ragionevolmente i venditori verso una nuova prova di tenuta della linea di tendenza ottenuta collegando i top del 14 giugno 2018 a quelli del 21 settembre 2018.

Solo una violazione di quest’ultimo sostegno (transitante a 1,065) offrirebbe ai ribassisti l’opportunità di incrementare la pressione in maniera significativa.
Strategie operative su Eur/Usd
Operativamente, si potrebbero sfruttare un ritorno a 1,0850 per valutare strategie di natura long con stop loss localizzato a 1,0712, mentre l’obiettivo principale a 1,0999. Il target finale sarebbe invece identificabile a 1,1010.