Dollaro in calo, notizie positive sul vaccino

Dollaro in calo, notizie positive sul vaccino

Di Peter Nurse

Investing.com – Il dollaro USA è in calo negli scambi europei di questo martedì, dopo il brusco calo registrato nella notte dopo l’aumento della propensione al rischio dovuto ai segnali di progressi sullo sviluppo del vaccino contro il Covid-19.

Alle 2:45 AM ET (0645 GMT), l’indice del dollaro USA, che replica l’andamento del biglietto verde contro un paniere di altre sei principali valute, è stabile a 99,438, in calo dello 0,2%, ben al di sotto del minimo di tre settimane toccato lunedì. Il cambio USD/JPY è in salita dello 0,1% a 1,0738.

La casa farmaceutica statunitense Moderna (NASDAQ:MRNA) ha dichiarato ieri che i test clinici dimostrano che il vaccino ha una “probabilità elevata” di proteggere dal coronavirus.

La notizia positiva ha alimentato le speranze sul fatto che si possa trovare presto il vaccino e questo ha spinto gli investitori verso il dollaro investimento rifugio contro le altre valute.

“C’è stato un gran miglioramento sulla propensione al rischio grazie alle speranze per il vaccino”, ha dichiarato alla CNBC Junichi Ishikwa, senior FX strategist presso IG Securities.

“Sta scendendo la volatilità sulle azioni e i costi stanno scendendo. È facile che il dollaro scenda e che le altre valute cavalchino l’onda”.

Il Presidente della Federal Reserve Jerome Powell testimonierà davanti alla Commissione Bancaria del Senato, insieme al Segretario al Tesoro Steven Mnuchin, per aggiornare i funzionari del governo suo programmi di stimolo economico approvati finora.

Potrebbe essere sollevata la questione dei tassi di interesse negativi e si prevede che Powell ripeta che per ora sul tavolo non è presente l’opzione di tassi negativi.

Nella serata di lunedì Francia e Germania hanno proposto un fondo di ripresa di 500 miliardi di euro (545 miliardi di dollari) da distribuire ai paesi UE più colpiti dal Covid-19, con i fondi forniti come garanzia piuttosto che come prestiti.

Questo rappresenta un cambio di posizione per la Germania che aveva precedentemente rifiutato l’idea di un debito condiviso.

Tuttavia gli altri paesi UE dovranno approvare la proposta, impresa piuttosto ardua vista la diffidenza verso l’emissione di debito comune mostrata di recente.

Il cambio EUR/USD è in salita dello 0,2% a 1,0936, toccando i livelli visti a inizio mese.

Mentre i membri della banca centrale statunitense stanno facendo di tutto per escludere l’ipotesi di tassi di interesse negativi, gli omologhi britannici stanno facendo esattamente l’opposto.

Durante il weekend Andy Haldane, capo economista della Banca d’Inghilterra, ha dichiarato che la banca centrale sta pensando a tasso di interesse negativi, e Silvana Tenreyro lunedì ha elencato i vantaggi di una scelta del genere mostrando le esperienze di altri paesi in Europa.

Tutto ciò mentre il numero dei cittadini britannici che hanno fatto richiesta di sussidio di disoccupazione è salito di 856.000, a oltre 2 milioni ad aprile, il massimo storico mai registrato.

Alle 02:45 AM ET, il cambio GBP/USD è scambiato in salita dello 0,5% a 1,2264.