Credit Agricole, utile netto in forte crescita e oltre attese in trim4

Credit Agricole, utile netto in forte crescita e oltre attese in trim4

PARIGI (Reuters) – Credit Agricole (PA:CAGR), il secondo maggiore istituto di credito quotato francese, ha realizzato un utile netto superiore alle attese grazie ai robusti risultati della banca d’investimento.

Credit Agricole è l’ultima tra le banche francesi a diffondere i risultati annuali. BNP Paribas e Societe Generale hanno rivisto o abbassato i target di redditività per il 2020 in un contesto di tassi bassi.

“Guardiamo con ottimismo al 2020, in ogni caso, siamo in linea con gli obiettivi per il 2022”, ha detto ai giornalisti l’amministratore delegato Philippe Brassac.

L’utile netto è cresciuto del 65% a 1,66 miliardi di euro, sopra le stime per un incremento a 1,51 miliardi di euro, secondo un sondaggio Reuters condotto fra quattro analisti. I ricavi sono aumentati del 5,5% a 5,12 miliardi di euro.

I ricavi ricorrenti derivanti dall’attività sui mercati dei capitali e dall’investment banking sono aumentati del 54,7%, sostenuti dagli acquisti di bond dopo che le condizioni di mercato sono divenute più favorevoli rispetto alla debolezza del quarto trimestre dell’anno scorso.

I ricavi della sua banca retail francese LCL sono aumentati dell’1% a 851 milioni di euro.

Con il business retail in Francia e in Italia messo sotto pressione dai bassi tassi di interesse, negli ultimi anni Credit Agricole – che possiede Amundi – ha diversificato i ritorni acquistando gestori di fondi e banche depositarie in altri paesi europei.

Nel commentare i risultati annuali, Brassac ha detto ai giornalisti che la banca non presenterà offerte per mBank, braccio polacco di Commerzbank, né per le attività retail di HSBC in Francia, che sono attualmente in vendita.