Coronavirus: Goldman Sachs prevede un -11% per il Pil italiano

Coronavirus: Goldman Sachs prevede un -11% per il Pil italiano

Versione originale di Laura Sánchez – traduzione a cura di Investing.com

Investing.com – Mercati in recupero al momento, dopo il Black Monday di ieri, anche se alcuni dati negativi del PMI che stiamo vedendo non sono molto buoni.

Gli investitori sono ancora in attesa delle previsioni economiche che stanno arrivando e che avvisano di una recessione.

Goldman Sachs ha pubblicato le sue stime di crescita economica per l’intera eurozona.

Per l’anno nel suo complesso, l’istituto stima un calo del -9% del PIL della zona euro.

Diviso secondo i paesi, Goldman segnala un possibile crollo nel 2020 per l’Italia (-11,6%), Spagna in calo del 9,7%, la Germania a -8,9%, la Francia a -7,4%. Il Regno Unito, inoltre, diminuirebbe del 7,5%.

“Goldman parla di un calo del 4% (non annualizzato) del PIL dell’Eurozona nel primo trimestre e dell’11% nel secondo trimestre. È tre volte di più rispetto alla crisi del 2009, che ci ha messo molti anni a superare. Questo ci dà un’idea della portata della crisi che sta arrivando”, spiega José Luis Cárpatos, CEO di Serenity Markets.

Occhio al dollaro
Oltre alle previsioni economiche, Goldman mette in guardia dal rialzo del dollaro. “L’ascesa del dollaro americano sta diminuendo, mentre gli investitori e i governi affrontano le conseguenze economiche della pandemia COVID-19″.

Se il dollaro non si stabilizza presto, l’amministrazione Trump e altri potrebbero dover intervenire”, ha avvertito ieri lo stratega di MarketWatch Zach Pandl.

“Se il dollaro continuasse a crescere, vedremmo un’argomentazione ragionevolmente forte per un intervento coordinato e mirato”, ha detto Pandl.