Brexit, Corte scozzese respinge istanza per forzare Johnson a proroga

Brexit, Corte scozzese respinge istanza per forzare Johnson a proroga

LONDRA (Reuters) – Il massimo tribunale civile scozzese ha respinto oggi l’istanza presentata da alcuni attivisti che chiedevano di costringere il primo ministro Boris Johnson a rinviare l’uscita dalla Ue in mancanza di un accordo con Bruxelles entro il 19 ottobre.

Johnson ha promesso che la Gran Bretagna lascerà il blocco il 31 ottobre, come previsto.

Il Parlamento ha approvato una legge che impone a Johnson di chiedere un rinvio della Brexit se non riuscirà a stringere un accordo entro il 19 ottobre oppure di ottenere il via libera del Parlamento a lasciare la Ue senza intesa.

Gli attivisti avevano chiesto alla corte scozzese di emettere un’ordinanza che costringesse il premier a rispettare la legge, ma è stata respinta.

L’avvocato Jo Maugham, tra i richiedenti, ha detto che martedì farà appello alla più alta Corte in Scozia.