Borse in rosso: attenzione all’Eurogruppo, al G20 e alla BoE

Borse in rosso: attenzione all’Eurogruppo, al G20 e alla BoE

Versione originale di Laura Sánchez – traduzione a cura di Investing.com

Investing.com – L’incertezza torna sui mercati europei questo giovedì, dopo la chiusura negativa di ieri a Wall Street che ha trascinato giù anche i principali indici asiatici.

“L’indice di volatilità VIX è salito in un giorno in cui i mercati azionari occidentali hanno chiuso più in alto, e rimane a livelli storicamente molto elevati (la sua media a lungo termine è di 20 punti e ieri ha chiuso comodamente sopra i 60 punti)”, sottolinea Link Securities.

Oggi gli investitori guardano agli incontri dell’Eurogruppo e del G20. Nel primo caso, l’attenzione si concentra sull’attivazione del fondo di salvataggio dell’Unione europea (MEDE) del valore di 410 miliardi di euro, come evidenziato in Renta 4.

“Anche se il sostegno degli Stati per il suo utilizzo è in crescita, dettagli come la gestione delle linee di credito e alcune condizioni connesse alla loro applicazione devono ancora essere specificate. Ricordiamo che questo meccanismo viene attivato su richiesta di ogni Stato membro e che il suo limite è del 2% del suo PIL”, spiegano questi analisti.

Per quanto riguarda il G20, il mercato attende con ansia una risposta coordinata, sia dal punto di vista sanitario che economico.

Né gli scambi perdono di vista oggi la riunione della Banca d’Inghilterra (BoE), nella prima riunione prevista dopo tre riunioni d’emergenza nell’ultimo mese.

L’istituto ha già abbassato i suoi tassi di 50 punti base. Resta da vedere se adotterà oggi misure supplementari. “Lo scenario più probabile è che non ci saranno ulteriori tagli dei tassi e che, in ogni caso, la BoE sceglierà di continuare ad aumentare l’importo del piano di acquisto delle attività”, dice Renta 4.

Nel frattempo, gli effetti negativi del coronavirus continuano a farsi sentire. L’Associazione Internazionale del Trasporto Aereo (IATA) avverte ancora una volta delle gravi conseguenze nel settore aereo e, come fa eco José Luis Cárpatos, “Moody’s dà una visione negativa del settore bancario in Spagna, Francia e Italia”.