Borse europee spinte dai forti rialzi nel settore energetico

Borse europee spinte dai forti rialzi nel settore energetico

Di Peter Nurse

Investing.com – I mercati azionari europei schizzano questo venerdì, grazie ai forti rialzi nel settore energetico sulla scia del rimbalzo del prezzo del greggio.

Alle 03:55 ET (08:55 GMT), l’indice britannico FTSE schizza del 2,3%, il francese CAC 40 ed il DAX registrano impennate del 4,8%. L’indice paneuropeo, l’Euro Stoxx 50, balza del 4,5%.

Inoltre, i future del greggio USA schizzano del 6,6% a 27,62 dollari al barile, dopo l’impennata del 24% di ieri. Il Brent, il riferimento internazionale, balza del 5,8% a 30,12 dollari, dopo essere schizzato del 14,4% ieri nel rialzo giornaliero maggiore da settembre.

E questo ha comportato forti guadagni per il settore del greggio e del gas, un’area del mercato che era stata pesantemente colpita dal crollo del prezzo della materia prima.

Il colosso britannico BP (LON:BP) va alle stelle con +7,6%, il produttore anglo-olandese Royal Dutch Shell (LON:RDSa) schizza del 7%, Total (PA:TOTF) in Francia registra un’impennata del 7,6% e Repsol (MC:MC:REP) (MC:REP), in Spagna, balza del 5,5%.

Questi movimenti seguono le parole del Presidente USA Donald Trump secondo cui potrebbe intervenire nella guerra del prezzo tra Arabia Saudita e Russia al “momento appropriato”.

Il greggio USA e il Brent sono crollati di circa il 40% nelle ultime due settimane da quando sono saltate le trattative tra l’Organizzazione dei Paesi Esportatori di petrolio ed i suoi alleati, tra cui la Russia, e l’Arabia Saudita ha conseguentemente deciso di aumentare la produzione.

Tuttavia, mentre gli operatori dei mercati fanno il punto sui molti e diversi piani per stimolare l’economia globale considerata la distruzione comportata dalla pandemia di coronavirus, Deutsche Bank (DE:DE:DBKGn) ha ricordato a tutti che i tempi restano difficili.

La banca tedesca ha avvertito questa mattina che l’impatto del coronavirus potrebbe pesare sulla sua capacità di raggiungere gli obiettivi finanziari. È la prima volta che la principale banca tedesca lancia un campanello d’allarme sull’epidemia.

Sempre in Germania, Siemens ha confermato di avere 57 casi certi di Covid-19 tra i suoi dipendenti.

Gli indicatori economici sono pochi in Europa ma la pubblicazione del Bollettino trimestrale della Banca d’Inghilterra, alle 8:00 ET (12:00 GMT), potrebbe essere interessante dato il taglio a sorpresa dei tassi di interesse effettuato ieri dalla banca centrale.

Intanto, alle 4:45 ET (08:45 GMT), i future dell’oro balzano del 2% a 1.509,05 dollari l’oncia, mentre la coppia EUR/USD si attesta a 1,0786, su dello 0,9% sulla giornata.