Approfittando del crollo delle quotazioni i sauditi hanno fatto maxi acquisti a Wall Street

Approfittando del crollo delle quotazioni i sauditi hanno fatto maxi acquisti a Wall Street

Il fondo sovrano Pif investe miliardi di dollari in quote delle maggiori società statunitensi, da Boeing a Disney a Facebook, contando sulle quotazioni crollate a causa della pandemia e sperando in una pronta ripresa
Investimenti per miliardi di dollari: sono quelli effettuati dal fondo sovrano saudita sul mercato azionario Usa. Il fondo ha effettuato massicci acquisti di azioni in vari settori, dall’aerospaziale all’intrattenimento, investendo in società come Boeing, Disney e Facebook.

QUOTE MILIONARIE IN BOEING, DISNEY E FACEBOOK
A quanto rivelano le comunicazioni trimestrali alla Sec – Securities and Exchange Commission, l’Authority che vigila sulla Borsa americana, il Pif (Public investment fund) saudita ha rilevato nel primo trimestre quote per 713,7 milioni di dollari in Boeing, mentre l’investimento in azioni Disney ammonta a 495,8 milioni e quello in Facebook a 521,9 milioni.

INVESTIMENTI ANCHE IN CITIGROUP, UBER E TESLA
Il fondo ha inoltre comunicato di aver investito 827,7 milioni di dollari nel gigante petrolifero britannico BP, attraverso Adrs (American depository receipts) quotati negli Usa; inoltre, i sauditi hanno anche investito 487,6 milioni in Bank of America e 522 milioni in Citigroup. Il fondo saudita, che gestisce asset per circa 320 miliardi di dollari, aveva già acquisito in precedenza azioni di Uber, Tesla e nel Vision Fund del gruppo SoftBank.

LA SCOMMESSA SAUDITA
Gli investimenti internazionali del fondo hanno registrato un’accelerazione nel primo trimestre del 2020, a causa della pandemia di coronavirus che ha sconvolto le aziende di tutto il mondo, provocando un crollo dei prezzi azionari e costringendo le aziende a vendere titoli di debito. L’investimento in alcuni dei più grandi nomi del mondo corporate Usa rappresenta una scommessa: i sauditi contano sul fatto che queste società possano tornare a generare profitti nel lungo periodo e così contribuire alla crescita del Paese.
INVESTITORE PAZIENTE
“Pif è un investitore paziente con un orizzonte di lungo periodo”, hanno fatto sapere i vertici del fondo in un comunicato. “Per questo, cerchiamo attivamente opportunità strategiche sia in Arabia Saudita che a livello globale, che abbiano il potenziale per generare significativi ritorni di lungo periodo, che possano portare benefici alla popolazione saudita e spingere la crescita economica del Paese”.