A Shares, ecco come sfruttare le opportunità delle azioni cinesi

A Shares, ecco come sfruttare le opportunità delle azioni cinesi

Per Euromobiliare SGR, la Cina nei prossimi anni aumenterà il suo peso nell’indice Msci, offrendo opportunità interessanti da cogliere per gli investitori stranieri
La ripresa economica in Cina fa da traino a quella globale, inevitabilmente rallentata dalla crisi da coronavirus. Nonostante la Cina rappresenti ormai il 15% del Pil mondiale, si trova poco rappresentata negli indici azionari globali. L’analisi di Euromobiliare SGR mette in evidenza come l’indice MSCI ACWI, rappresentativo dei mercati azionari internazionali, inclusi i mercati dei Paesi Emergenti, pesa attualmente le azioni cinesi a poco più del 4%. L’Europa, giusto per rendere l’idea, nello stesso indice pesa il 20% circa, valore allineato al peso europeo nel Pil mondiale.

LA CRESCITA DELLE AZIONI CINESI
Non è quindi strano ipotizzare che, nei prossimi anni, le azioni cinesi cresceranno di peso negli indici “con indubbi vantaggi in termini di valore, se non altro perché gli investitori istituzionali dovranno riallineare i portafogli di conseguenza”, continua l’analisi di Euromobiliare SGR.

NON TUTTE LE AZIONI SONO UGUALI
Quando si parla di azioni cinesi, è bene fare delle distinzioni. “Storicamente gli investitori internazionali hanno potuto investire esclusivamente nelle società cinesi quotate a Hong Kong, si trattava molto spesso di aziende pubbliche, o direttamente negli Usa”, spiegano gli analisti di Euromobiliare SGR. “Esiste però un ampio mercato azionario domestico, con oltre 3mila titoli quotati a Shanghai e Shenzhen”. Fino a qualche anno fa questi titoli non erano accessibili agli investitori internazionali, ma dal 2015 c’è un collegamento diretto tra le Borse di Shanghai e Shenzen e quella di Hong Kong, chiamato Stock Connect, che permette agli operatori esteri di trattare le A Shares, le azioni cinesi, direttamente da Hong Kong.

LO SBOCCO VERSO I MERCATI EMERGENTI
I mercati cinesi hanno messo a segno performance positive nel mese scorso. Secondo Bloomberg, gli investitori stranieri hanno comprato A Shares cinesi continentali, quotate a Shanghai e Shenzen, per 7,4 miliardi di dollari a giugno. E pare sia solo l’inizio perché la Cina ha intenzione di aprire sempre di più i propri mercati finanziari agli investitori esteri, con buone probabilità che Msci aumenti la quota di A Shares all’interno dei propri indici.

MERCATO DOMESTICO INTERESSANTE
Per Euromobiliare SGR, il mercato domestico cinese è molto interessante, soprattutto dal punto di vista della rappresentatività effettiva dei nuovi sviluppi dell’economia locale. C’è una presenza importante di aziende tecnologiche e che operano nel settore healthcare. Le A Shares sono particolarmente interessanti in quanto gli investitori domestici seguono per lo più un orizzonte temporale di breve periodo. “Le fasi di euforia o di panico che si generano sul mercato domestico possono essere sfruttate con successo da un investitore professionale che guardi ai fondamentali di lungo periodo del business”, si precisa nell’analisi di Euromobiliare SGR che considera le A Share come “un terreno di caccia ideale per i professionisti della gestione e sono un importante ingrediente di un portafoglio azionario che punta a guardare al futuro dell’economia e della società cinese”.

COME COGLIERE LE OPPORTUNITÀ
Euromobiliare AM SGR crede nelle potenzialità del mercato cinese e, per questo motivo, ha da poco lanciato Euromobiliare Fidelity China Evolution. Il Fondo, gestito in delega da Fidelity International, mira a cogliere le opportunità offerte dalla crescita delle società legate all’innovazione, alla tecnologia ed allo sviluppo dei consumi interni.